Sali di Boro

sali di boroEssendo uno dei 109 elementi presenti sul nostro pianeta, non deve sorprenderci il fatto che il Boro sia ovunque intorno a noi. Sebbene non esista in natura in quanto tale, il Boro in combinazione con l’ossigeno ed altri elementi dà vita a sali comunemente definiti “boraci”.
Dato che i boraci sono parte integrante della natura dalla formazione della terra, essi hanno iniziato ad essere utilizzati nelle più disparate applicazioni sin dallo sviluppo delle prime civiltà. Secondo la leggenda, i boraci sono stati utilizzati per la prima volta dagli Egizi nel processo di mummificazione e successivamente dai Romani nella produzione del vetro. Il primo utilizzo storicamente verificabile risale all’Ottavo secolo dopo Cristo da parte degli Arabi, i cui orafi ed argentieri sfruttavano i boraci come agente di saldatura e di lucidatura. La parola borace deriva proprio dall’arabo buraq o baurach che sta a significare luccichio o lucentezza.

Nel corso dei secoli successivi i boraci entrano gradualmente a far parte dello sviluppo tecnico ed economico dell’Europa grazie ai commercianti Veneziani che intraprendono l’importazione di tincal (nome sanscrito del borace) dagli altipiani tibetani. Per circa quattro secoli, sino cioè all’avvio della produzione su scala industriale a Larderello (Italia) nei primi decenni del 19° secolo, i boraci rimangono un raro tesoro trasportato dall’estremo oriente lungo le vie carovaniere.
Oggi, seppure i depositi di boraci siano ancora rari e concentrati in aree ristrette (Turchia, California, Ande), l’utilizzo del boro nelle sue varie forme è diventato talmente diffuso che in gran parte dei settori produttivi vengono utilizzati suoi composti per realizzare prodotti essenziali per la vita moderna.
Sebbene possiate non esserne consci, il boro è costantemente presente in tutti gli aspetti della vostra vita.

Applicazioni

I prodotti a base di Boro sono utilizzati in centinaia di applicazioni e processi produttivi. Utilizzati nell’antichità prevalentemente come agenti di saldatura, oggi questi prodotti svolgono ovunque un ruolo fondamentale grazie alle molteplici proprietà del Boro: da catalizzatore nelle reazioni chimiche a micronutriente nel ciclo di vita delle piante, da inibitore della combustione a moderatore nella reazione nucleare.

I principali sali di boro impiegati nell’edilizia:

  • Tetraborato di potassio tetraidrato
  • Tetraborato di sodio decaidrato
  • Pentaborato di ammonio
  • Pentaborato di potassio
  • Ottoborato di sodio tetraidrato (Borowood)

Come agiscono

sali di boro1sali di boro2

I Borati impediscono le proliferazioni biologiche di batteri, muffe e insetti infestanti come termiti, formiche e scarafaggi, nello stesso tempo sono sicuri per le persone, gli animali domestici e l'ambiente.
Azione sugli insetti: I borati rendono il legno non più commestibile, quindi smettono di nutrirsi del legname impregnato con sali di boro e muoiono di fame.
I sali di boro non portano agli insetti danni per contatto o inalazione del prodotto, poiché la loro tossicità può essere considerata nulla o comunque assai bassa.
Sui funghi e le muffe i sali di boro agiscono in due modi principali: In primo luogo costituiscono un ambiente alcalino dove le muffe si sviluppano con difficoltà ed in secondo luogo tendono a distruggere le membrane cellulari delle muffe.

I sali di boro agiscono efficacemente per la protezione di legname massello con dosi di almeno 5-10 gr/mq. Un ulteriore vantaggio dei sali di boro sembra dato dalla loro solubilità in acqua; una volta applicati sul legname continuano a diffondere in profondità sfruttando l'umidità del legname. Alcuni test in cui si è teso a bloccare la diffusione dei sali di boro hanno visto diminuire l'efficienza di questi nella protezione del legname. 
Al contrario i sali di boro sono meno efficienti dove il legname trattato è sottoposto ad un effetto dilavante dell'acqua o quando il legname è a diretto contatto con il suolo.
Qui possiamo notare che essendo i sali di boro dei micronutrienti per la vegetazione, non sono inquinanti in queste circostanze, cioè quando basse concentrazioni diffondono lentamente nel terreno, infatti vengono utilizzati come integratori minerali dei terreni.

Azione antitarlo antimuffa e protettivo del legno e delle superfici murarie
Con 1 kg di sali di boro si possono trattare efficacemente 20 mq di superficie, sia di legno che di muratura.

IMPIEGHI CONSIGLIATI

  1. Murature: per la disinfezione delle pareti di casa dopo una nuova tinteggiatura
  2. Legno: per evitare l’infestazione da funghi, muffe e insetti

Contatti

Inventaria srl
via T. Gulli, 36
20147 Milano (MI) - ITALY
Servizio Tecnico: 393.0898229
Contattaci via e-mail
Pagina Facebook
Canale youtube